Il castello della Rocca di Soragna è un maniero medioevale riedificato da Bonifacio e Antonio Lupi nel 1385. La Rocca è una dimora storica, arricchita nel tempo di innumerevoli opere d’arte e di inestimabili testimonianze del passato, è sempre rimasta di proprietà dei Principi Meli Lupi che ancora oggi la abitano.

La Rocca conserva decorazioni a fresco e cicli pittorici di Nicola dell’Abate, Cesare Baglione, Ferdinando e Francesco Galli Bibiena. Grottesche e affreschi lungo gallerie sontuose e corridoi di specchi sono firmati da artisti di fama. Stupende la Sala del Trono e la Camera Nuziale, oltre agli arredi.

Come tutti i castelli che si rispettano, inoltre, anche la Rocca Meli Lupi vanta il suo fantasma, quello di Cassandra Marinoni, meglio conosciuta come Donna Cenerina.

Questa donna, nel 1548, sposò a Cassano d’Adda Diofebo II Meli Lupi marchese di Soragna. Durante le assenze del marito, che seguì Ottavio e Alessandro Farnese in molte imprese militari, ella amministrava il piccolo feudo padano, nel quale accolse la sorella Lucrezia, che nel 1560 si era maritata con il conte Giulio Anguissola, uomo violento e meschino che aveva dissipato i beni di famiglia e, dopo la separazione dalla donna, meditava di ucciderla per impossessarsi della sua eredità.

Il 18 giugno 1573 l’Anguissola si presentò con un gruppo di uomini armati a Cremona dove si trovava Lucrezia e, riuscito ad entrare con l’inganno, la uccise a pugnalate colpendo anche Cassandra che era andata a trovarla. Ferita gravemente, il giorno dopo la marchesa venne portata a Soragna dove spirò.

La leggenda vuole che il fantasma di Donna Cenerina compaia ancora oggi in vestiti color della cenere. Da qui il soprannome di “Donna Cenerina”.

Piaciuta questa curiosità? Se vuoi scoprire i segreti, le leggende e i misteri di Parma, scarica l’app delle curiosità. Scarica Secret Maps!